Rossi ai firmatari dell’appello contro l’isolamento della Liguria: “Treno Genova Roma e raddoppio ponente ligure, grazie a tutti voi”

 

 

 

 

 

Maurizio Rossi scrive ai firmatari dell’appello contro l’isolamento della Liguria ringraziandoli per il supporto e facendo il punto della situazione del trasporto ferroviario nella nostra regione, con particolare ,riferimento ai collegamento Genova Roma e al raddoppio ferroviario della Genova Ventimiglia.

Vai alla lista dei firmatari.

Leggi la lettera.

 

 

 

Raddoppio ferroviario di Andora, rassegna stampa

 

 

 

 

 

Domenica 11 dicembre è stato finalmente inaugurato ufficialmente il raddoppio del tracciato ferroviario della linea del ponente tra Andora e San Lorenzo al Mare. Resta da completare la tratta Andora-Finale, di 32 km.

Rassegna stampa

secolo-12-12-la-liguria-riparte-sul-doppio-binario

la-stampa-11-12-andora-san-lorenzo-oggi-primo-treno

la-stampa-12-12-ferrovia-a-monte-ogi-lapertura-della-tratta-andora-san-lorenzo

la-stampa-12-12-e-realta-la-nuova-ferrovia-del-ponente-ma-per-ultimarla-servono-15-miliardi

secolo-12-12-sfila-il-treno-nelle-stazioni-da-ultimare

secolo-12-12-lemozione-dei-passeggeri-dopo-anni-di-attesa-pensionati-e-pendolari-non-potevamo-mancare

secolo-12-12-morgante-piu-collegamenti-con-la-francia

Secolo-12-12-La Liguria riparte dal doppio binario

Primocanale, La Andora-San Lorenzo raddoppia: vinta la battaglia del senatore Rossi

 

Collegamento ferroviario Genova Roma, la rassegna stampa

 

 

 

 

 

Si è tenuta sabato 10 dicembre, proprio come suggerito dal sen Rossi, la Conferenza stampa per presentare il nuovo collegamento ferroviario Genova Roma in meno di 4 ore.

Il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’AD di Trenitalia Barbara Morgante hanno firmato il nuovo contratto di servizio, alla presenza proprio del sen Maurizio Rossi, che dall’inizio del suo mandato spinge per avere un collegamento più rapido tra il capoluogo ligure e la capitale, anche per togliere il monopolio di fatto ad Alitalia sulla tratta, oltre che degli assessori Berrino, Giampedrone e Rixi.

Il nuovo treno Frecciargento raggiungerà Firenze in due ore e proseguirà per Roma, dove giungerà dopo un’altra ora e mezza circa, per un totale di circa 3 ore e mezza. Il treno partirà prima delle 7 del mattino, in modo da raggiungere Roma alle 10, con la possibilità di tornare in Liguria a fine giornata sulla stessa linea.

Rassegna stampa

La Stampa 11/12, Genova Roma in 4 ore con il Frecciargento e 45 nuovi convogli

Secolo XIX 12/12 La Liguria aggancia l’Alta Velocità, da Genova a Roma in tre ore e mezza

Repubblica 11/12 Genova Roma in meno di 4 ore

Primocanale, Liguria isolata, il 10 e 11 dicembre è iniziata la riscossa.

Primocanale, Raddoppio e Genova-Firenze-Roma, allora la buona politica può esistere

Primocanale, Ecco il Frecciargento Genova-Roma, la Liguria ora è un po’ meno isolata

 

Collegamento ferroviario Genova Roma: lettera di Maurizio Rossi a Toti, Mazzoncini, Morgante, Gentile

 

 

 

 

 

Maurizio Rossi ha scritto una lettera al presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, all’AD di Ferrovie dello Stato Italiane Renato Mazzoncini, all’AD di Trenitalia Barbara Morgante, all’AD RFI Maurizio Gentile, per proporre la convocazione di una conferenza stampa intorno al 10 / 11 dicembre, considerando che domenica 11 avrà luogo l’inaugurazione del raddoppio ferroviario di Andora.

Leggi la lettera.

 

 

 

 

Anas in Commissione Ottava, intervento di Maurizio Rossi

 

 

 

 

 

 

In occasione dell’audizione del Presidente di Anas Gianni Armani in Commissione Ottava, Maurizio Rossi è intervenuto per porre alcune domande riguardanti la Liguria.
Guarda l’intervento

Il senatore Maurizio Rossi (Gm-Liguria Civica) ha evidenziato in Commissione Lavori Pubblici, durante l’audizione dell’amministratore delegato di Anas Gianni Vittorio Armani, le criticità della Liguria e ha sollecitato maggiore attenzione da parte dell’Ente per le infrastrutture di sua competenza. In particolare, il parlamentare ligure ha puntato il dito sulla situazione di Arenzano e sull’assenza di un monitoraggio capillare sul pericolo di frane in caso di maltempo prolungato. Di seguito riportiamo il testo integrale dell’intervento del senatore Rossi.

Le frane in Liguria non riguardano solo le ferrovie ma anche le strade, perché è il territorio che è devastato. Quest’estate – e il presidente lo sa bene – c’è stata una frana di una gravità assoluta sull’Aurelia ad Arenzano, non parliamo di una stradina di montagna, che ha causato un disastro economico per tutto il turismo di quel territorio.

Anas in Liguria gestisce pochissimo, se guardiamo la cartina a pagina 17 ci rendiamo conto come più andiamo verso sud e più c’è una ramificazione della presenza di Anas. Siccome noi abbiamo ormai con dei dati di Pil esattamente identici se non peggio ad alcune regioni del sud, mi auguro che la ramificazione in Liguria assuma la stessa dimensione di quella che si vede in Sicilia ad esempio, o in Sardegna.

La problematica che mi preoccupa enormemente è quella di una regione che è isolata. Ha parlato di autostrade: magari veniste a gestire le autostrade in Liguria, dove abbiamo una situazione autostradale drammatica con autostrade ormai fuori dai parametri di normative di sicurezza europee. Società autostrade, a cui si potrebbe anche valutare di revocare la concessione in alcune zone del paese per come si comporta, usa la Liguria per dire “Facciamo il Terzo Valico da 7 miliardi ma mi allungate di vent’anni la concessione”. La Liguria viene usata!

L’Anas tiene bene le sue strade, tranne che nel citato caso di Arenzano. Probabilmente va monitorato, come ha fatto RFI dopo il deragliamento di Andora. RFI cosa fatto? Ha stanziato un budget importante per controllare su tutto il territorio della Liguria la situazione delle possibili frane. Probabilmente lo potreste fare e forse lo farete anche voi. Perché non è la manutenzione della sede stradale, ma di quello che purtroppo c’è sopra.

Ma il problema grande di una regione come la nostra, che potrebbe essere uguale a quello di altre aree, è la situazione delle ex strade provinciali. Io conosco in particolare queste strade benissimo perché ho corso tanti anni nei rally: siamo al disastro, soprattutto per la situazione dell’entroterra; è come dire a tutti gli abitanti dell’entroterra che devono avere due case, una al mare uno nell’entroterra, perché non potete viverci nel periodo invernale, perché ormai la vegetazione sta invadendo le sedi stradali, non c’è nessuno che gestisce il manto di asfalto, non ci sarà chi butterà il sale quest’inverno, e si arriva a 1200 m e oltre in Val d’Aveto e nella Valfontanabuona. Noi non abbiamo più nessuno che si occupa di centinaia migliaia di chilometri di strade nell’entroterra. Chi se ne occuperà?

Mi pare che, come ha detto il collega, e ho sentito in tal senso anche recentemente il presidente Toti, sarebbe possibile passare alcune strade primarie ex provinciali della Liguria ad Anas. Ma il problema è un altro è molto più ampio e non riguarda solo “alcune” strade.

La domanda è quindi: qual è la vostra situazione sulle attuali strade, e come intendete monitorarle? E che posizione pensa che si potrebbe avere sull’insieme delle strade provinciali?

Abbiamo un ultimo punto, il ponte Morandi, il ponte autostradale sopra Genova: voi purtroppo sapete che ne è crollato uno recentemente. Quando si vedono 100 TIR in coda su quel ponte viene da chiedersi per quanti anni potrà reggere? So che questo non è di vostra competenza ma sempre di società autostrade.

Rassegna stampa relativa alla visita di Renzi a Genova

 

 

 

 

 

 

GIORNALE 06-10 SERATA GENOVESE PER RENZI, DA QUI RIPARTE IL SISTEMA PAESE

secolo 05-10 LETTERE – SE CE LA FACCIAMO IN QUESTA CITTA’ CE LA FARA’ L’INTERO PAESE

REPUBBLICA 07-10 PORTO, TRENI E BLUEPRINT GENOVA AL CENTRO DEI PIANI DEL GOVERNO CON LA BLUE ECONOMY

REPUBBLICA 07-10 RICANDIDATURA, UNA DISCUSSIONE TRA QUATTRO GATTI

REPUBBLICA 07-10 DORIA-RENZI, PATTO DI FINE LEGISLATURA. IL MIO BIS NON INTERESSA AI CITTADINI

SECOLO 07-10 LICALZI ANCORA DUE INCONTRI COL PREMIER E ABBIAMO IL TERZINO CHE CI MANCA

secolo 07-10 ASPETTARE IL REFERENDUM, DORIA DEVE DIRE ADESSO SE SI VUOLE RICANDIDARE

secolo 07-10 RENZI PASSA LA PALLA A DORIA, SE SI RICANDIDA AL PD VA BENE

secolo 05-10 OPERAZIONE TRASPARENZA SUL CANTIERE CHE APRE

Liguri tutti – Renzi a cena dal senatore anti renziano e anti Paita

http://genova.repubblica.it: bisagno_e_citta_metropolitana_il_patto_di_renzi_con_genova

Scoloxix.it: Doria si confida con Renzi, il Pd si aspetta il passo indietro

Genova 3000: Rossi ha convinto Renzi

ANSA.it  Liguria: Renzi a Genova, incontrerà sindaci

Il Fatto quotidiano: Riforme, Renzi: “D’Alema, Grillo e Berlusconi contrari? Col Sì cade il loro potere di veto”

Il secolo xix: «Così la politica ritrova la faccia persa nelle alluvioni di Genova»

Il secolo xix: Renzi, blitz a Genova «Investire sulla sicurezza messaggio perl’Europa»

Liguria Economy: Il cocktail genovese di Renzi

 

Il premier Matteo Renzi risponde sull’isolamento della Liguria: guarda il video

 

 

 

 

 

 

Il premier Matteo Renzi parla dell’isolamento della Liguria analizzando la situazione del trasporto ferroviario e dei collegamenti Genova Roma e Genova Milano e promette un intervento dell’AD di FS Mazzoncini: guarda il video

 La trascrizione dell’intervento di Matteo Renzi

Matteo Renzi:

“Ho chiesto prima di venire qua all’amministratore delegato di ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini – sto adesso guardando il suo WhatsApp – alcuni aggiornamenti sia sul Freccia Bianca, che dobbiamo sicuramente migliorare per garantire maggiori performance di puntualità e regolarità per i collegamenti Genova Roma, anche se nella loro progettazione si continua immaginare il passaggio sulla Tirrenica, sia un maggiore investimento sui servizi regionali.
Tuttavia dobbiamo anche lavorare sulla lunga percorrenza – mi scriveva lui: stiamo lavorando per cambiare qualcosa sugli orari tanto delle Frecce quanto degli Intercity, sia in termini di materiale rotabile sia di orari, che è molto importante.

Dunque ho segnalato all’Amministratore Delegato di Ferrovie il tema del rapporto Genova Milano e Genova Roma.

Io credo che avrebbe un senso un collegamento anche con Firenze, e quindi di conseguenza con il percorso che da Firenze porta a Roma in un’ora e 32-33 minuti.
Lo dico da sindaco: quando ho fatto il sindaco a me è cambiata la vita quando Firenze è diventata una tappa della metropolitana d’Italia.
Così fai: Bologna Firenze in mezz’ora, Firenze Roma in un’ora e 32, comunque hai quelli che arrivano da Venezia e sei a un passo da Milano.

Condivido totalmente il vostro ragionamento e seguendo la battaglia di primocanale.it legata alle infrastrutture. Volentieri mi impegno a spedirvi qui l’amministratore delegato di ferrovie a fare due chiacchiere con lui nel merito anche in vista degli orari di dicembre.”

Dal blog Liguritutti: Renzi a cena dal senatore anti renziano e anti Paita

 

 

 

Pubblichiamo l’articolo uscito oggi mercoledì 5 ottobre sul blog Liguritutti, a firma Ferroccio Sansa e Marco Preve.

Allora, proviamo a ragionare. Tra poche ore il premier Matteo Renzi arriverà a Genova per inaugurare il cantiere del Bisagno. Poi farà una lunga intervista a Primocanale, televisione del senatore Maurizio Rossi, del Gruppo Misto in attesa di una nuova famiglia.
E poi si fermerà a cena in terrazza Colombo sempre nella sede di Primocanale ospite del senatore Rossi che per l’occasione ha invitato un po’ di bel mondo genovese.
Dunque, il senatore Rossi, eletto con Monti e oggi esponente del suo proprio partito, il 22 febbraio 2014 definiva  Matteo Renzi un ” imbonitore” e un mese dopo specificava “Matteo Renzi nella sua duplice veste di Presidente del Consiglio e segretario del Partito democratico sta stringendo a tenaglia il sistema dell’informazione televisiva in Italia”.
Troppo lungo sarebbe l’elenco di dichiarazioni, pesantissime e ultra critiche, del senatore Rossi su Raffaella Paita che un anno fa era non solo la canditata del Pd alle regionali, ma massima esponente del renzismo in Liguria proprio come il suo portavoce lo è oggi nella veste di autocandidato alle primarie per il sindaco di Genova.
Rossi era talmente anti Paita e quindi antirenziano da schierarsi apertamente, e votare alle primarie, con quel gufo di Sergio Cofferati e da farsi contestare da Paita stessa il continuo passaggio sulla sua TV di spot pro Cofferati. Insomma il compagno Maurizio di tutto poteva essere sospettato tranne di essere un renziano.
E allora perché adesso Renzi se lo sceglie come ospite privilegiato nella sua visita genovese? Che non gli freghi niente di Paita e molto di ottenere qualche voto in più per il Sì?

Ma soprattutto, ci chiediamo, Paita e il suo portavoce ultrarenziano saranno stati invitati pure loro? Se sì, che atteggiamento terranno con il senatore Rossi, faranno finta di non conoscersi? E se non sono invitati?

Coraggio, qualcuno si faccia avanti e  inviti la Paita a cena. E’ una buona azione e si possono scaricare le spese dal 730 alla voce “Adotta anche tu un esponente Pd senza casa“.

 

Il MIT congela la straordinaria amministrazione delle Autorità Portuali

 

 

 

 

E’ notizia di oggi che il Mit ha emanato un provvedimento rivolto a tutti i porti italiani, invitandoli a non svolgere alcuna operazione che vada oltre l’ordinaria amministrazione.

Di fatto, il direttore generale dott. Enrico Pujia sembra avere risposto, con eleganza e senza citarli, al Comitato Portuale di Genova e al Presidente dell’AP La Spezia Lorenzo Forcieri.

In ambedue i casi, infatti, i due enti hanno svolto attività nei giorni immediatamente antecedenti l’entrata in vigore della legge, che, come sostengo da tempo, non possono che essere considerate di straordinaria amministrazione, e come tali di competenza delle nuove AdSP, quando saranno totalmente operative, presumibilmente non prima di gennaio.

Entro quella data, come noto, dovrebbe anche essere finalmente emanato il regolamento, che dovrebbe contenere tutte le nuove disposizioni: rispetto delle gare, fideiussioni sulle “promesse di investimenti”, sull’occupazione e sui traffici.