Interrogazione al Ministro dei Trasporti sul regolamento di attuazione della legge 84/94

giovedì, 19 gennaio 2017 | 0 commenti

genova porto 2

 

 

 

 

 

Scarica l’interrogazione in pdf

Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Premesso che:

- la legge 28 gennaio 1994, n. 84, recante Riordino della legislazione in materia portuale, prevedeva la emanazione di un regolamento di attuazione della stessa legge. Tali strumenti legislativi si rendevano necessari anche perché i vari presidenti delle allora Autorità Portuali usavano comportamenti diversi, gli uni dagli altri, relativamente alle assegnazioni delle concessioni portuali;

- il 5 agosto 2015, in occasione dei lavori in Commissione ottava del Senato sul “piano porti”, presente il sottosegretario De Caro, lo scrivente denunciò una vera e propria corsa a rinnovi e proroghe di concessioni portuali da parte di alcuni terminalisti. Una situazione che vedeva richieste di proroghe di concessioni non ancora scadute con rinnovi lunghissimi, presidenti delle Autorità Portuali prossimi alla cessazione del mandato e l’attesa della nuova normativa sulla materia, così come allora annunciato dal MIT. Tutto ciò perché i terminalisti, pur avendo scadenze nel 2020 e oltre, tentarono di scongiurare i, per loro, temuti effetti dell’annunciata imminente pubblicazione del regolamento sulle concessioni, attesa dal Ministero dei Trasporti ormai da 23 anni, che dovrebbe inserire criteri più stringenti, impegni precisi di investimenti, cronoprogramma degli stessi, fidejussioni, impegni occupazionali e di traffici commerciali;

- a seguito delle tante polemiche, scaturite nei successivi mesi di agosto e settembre, delle associazioni di categoria interessate e dei terminalisti coinvolti, l’allora Presidente della Autorit à Portuale di Genova, addirittura scriveva al Ministro Delrio per chiedere quale comportamento seguire con le istanze di proroga ricevute, ricevendo in risposta indicazioni attendiste in considerazione del regolamento che doveva essere ormai di prossima divulgazione;

- ad oggi il MIT ha predisposto un testo del regolamento di attuazione della L. n. 84/1994 che, come previsto dall’iter legislativo, è stato inviato al MEF per le osservazioni di competenza;

- la mancata emanazione del regolamento, comporta gravi riflessi sull’applicazione delle obbligazioni assunte dai concessionari;

- tale situazione, determinata unicamente dalla lentezza del Ministero, può generare gravi riflessi sul futuro dei terminal e delle città che ospitano i porti;

- allo scrivente risulta che il MEF abbia da tempo terminato i lavori di sua competenza e che abbia già inviato quanto dovuto al MIT che però ancora non ha ancora proceduto ad ultimare il lavoro necessario, accogliendo le eventuali osservazioni del MEF e/o modificando il testo per procedere alla emanazione del tanto atteso regolamento

si chiede di sapere:

- se a distanza di circa 23 anni dalla legge 28 gennaio 1994, n. 84 e di due anni dalle sue dichiarazioni di procedere in tempi brevi all’emanazione del regolamento di attuazione di tale legge, se il Ministro in oggetto non ravvisi la ormai improcrastinabile esigenza di promulgare immediatamente il regolamento stesso;

- se il MIT intenda recepire le osservazioni inviate dal MEF sul regolamento della legge n. 84/1994 e nel caso come intenda procedere;

- quali sono i motivi per i quali il MIT non procede alla emanazione del prescritto regolamento e quali sono state le cause di tale incredibile ritardo che può ancora modificare in modo determinante il futuro assetto del sistema portuale italiano per il rischio di applicare criteri vecchi per il conferimento di concessioni che andranno avanti per i prossimi decenni e che condizioneranno il futuro delle città portuali.

Sen. Maurizio Rossi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *