Interrogazione del sen. Maurizio Rossi sugli incidenti sull’Autostrada A10

giovedì, 30 marzo 2017 | 0 commenti

2017032617434926_mar_liguria_spaccata_tg.mov.flv1

 

 

 

 

 

Scarica l’interrogazione presentata dal sen Maurizio Rossi sugli incidenti sull’Autostrada A10.

Guarda il video con le dichiarazioni del sen. Maurizio Rossi dei 26 marzo

Il testo dell’interrogazione

ROSSI Maurizio – Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. –
Premesso che:
– l’intero tratto autostradale ligure ed in particolare la Savona Genova, è caratterizzato da una strada molto tortuosa con numerose gallerie che impegnano notevolmente i conducenti di auto e TIR alla guida;
– questo tratto autostradale è ormai da molti anni inadeguato e sembra che sia fuori dalle norme di sicurezza secondo la normativa dell’Unione europea;
– il notevole flusso autostradale è composto sia da traffico turistico veicolare che da Tir che raggiungono e partono dal porto di Genova e Savona;
– recenti fatti di cronaca dimostrano ancora una volta la pericolosità della tratta: 4 incidenti in quattro giorni di cui i primi tre praticamente nello stesso punto. Più precisamente: sabato 25 marzo, un camion si ribalta e prende fuoco sulla A-10, due feriti, tratto autostradale chiuso per diverse ore; domenica 26 marzo, un TIR travolge personale che stava lavorando per ripristinare i danni dell’incidente precedente causando, 2 morti, nove feriti, autostrada chiusa 12 ore; lunedì 27 marzo, stesso punto, un TIR sbanda ed è rimasto di traverso sulla carreggiata per alcune ore. Oggi martedì 28 marzo 2017, nel tratto Varazze Arenzano un TIR si ribalta e riversa sulla strada il suo carico composto da una sostanza oleosa potenzialmente tossica. Ferito il conducente, autostrada chiusa dalle 9.00 alle 12.30;
– domenica scorsa 26 marzo quindi, l’ennesimo incidente mortale. Vittime di quest’ultimo triste episodio sono degli operai impegnati in lavori per ripristinare all’incidente del giorno prima. Hanno infatti perso la vita due operai ed altri 9 sono rimasti feriti di cui due molto gravi, travolti da un TIR sul tratto Savona – Genova. Di secondaria importanza rispetto al dramma consumato ma di grande impatto sulla viabilità, sono stati i risultati. 12 ore di chiusura autostradale, chilometri di coda, lunghe ore di attesa. Una intera regione che conta quasi esclusivamente su questa arteria viaria per muoversi da est a ovest, bloccata, spezzata in due ormai un giorno sì e uno no;
– l’intera comunicazione mediatica relativa ai fatti di domenica, è stata focalizzata unicamente sull’autista del TIR, reo, oggettivamente, di aver travolto il cantiere. Peraltro sembra non aver assunto né droghe, né alcool;
– i voli aerei da e per Genova sono sempre di meno e spesso con un unico vettore che, in quanto tale in assenza di concorrenza, può permettersi di alzare anche di molto le sue tariffe. La situazione ferroviaria ligure è sempre più critica, con il binario unico di Andora, con la mancanza di tratte adeguate, soprattutto per gli orari e la qualità delle carrozze, sulle altre città, l’assenza dell’alta velocità. Tutto ciò fa prediligere sempre di più gli spostamenti in automobile riempiendo anche eccessivamente le autostrade liguri;
– tali criticità nell’intera Liguria, hanno fatto sì che nel tempo si sia raggiunta una situazione di isolamento di fatto e i vari governi che si sono succeduti nel tempo non sono stati in grado di porvi rimedio
si chiede di sapere:
– l’autostrada Genova – Savona è a norma secondo le normative dell’Unione in termini di sicurezza?
– da 30 anni questa autostrada deve essere adeguata. Che progetti ha fatto il concessionario per ridurre al minimo le problematiche che continuamente si manifestano?
– quali sono investimenti effettuati e programmati visto anche il costo molto elevato della tratta in termini tariffari?
– che priorità ha dato il Ministero a questa arteria che collega Italia e Francia, considerato che é il collegamento fondamentale per i porti di Genova e Savona nei quali i traffici sono in aumento e considerando che, sulla medesima autostrada, si sposta il traffico turistico che segna pesantemente l’economia della regione?
– se il ministro in oggetto ravvisi responsabilità di Società Autostrade, concessionaria del tratto autostradale Savona – Genova, ai fini della garanzia della sicurezza dei suoi dipendenti coinvolti nell’incidente;
– se il cantiere oggetto dell’incidente era opportunamente segnalato e protetto da jersey e se erano stati messi in atto tutti i necessari accorgimenti segnaletici per far ridurre la velocità al flusso stradale adiacente i lavori;
– quali provvedimenti immediati il Ministero intende prendere per mettere in sicurezza questa autostrada nell’immediato e con progetti da attuare nel tempo minore possibile
Sen. Maurizio Rossi

30/03/2017

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *