Primarie PD: Sen. Maurizio Rossi (Misto – Liguria Civica): “La par condicio non comprende le primarie dei partiti”

giovedì, 13 aprile 2017 | 0 commenti

bilancia

 

 

 

 

 

 

“Leggo su piu’ agenzie richiami alla par condicio e alla Rai per equilibrare gli spazi tra i diversi candidati del Pd: Renzi,Emiliano e Orlando.

Nulla di piu’ sbagliato: le primarie non sono assolutamente normate e i media compresa la Rai non hanno alcun dovere ne compito di suddividere spazi tra membri dello stesso partito. Ne e’ previsto alcun controllo di Agcom o di altri soggetti.” Questa la dichiarazione del Sen. Maurizio Rossi (Liguria Civica). “Desidero al proposito ricordare che proprio io cercai di regolamentare le primarie dopo gli scandali liguri in occasione delle elezioni regionali del 2015, attraverso un emendamento che presentai al disegno di legge AS 1385 di modifica alle elezioni della Camera dei Deputati, poi trasformato nell’ordine del giorno G1.7001/509 che concordai direttamente con la Ministra Elena Boschi. Con questo ordine del giorno – continua Rossi – il Governo si impegnava a regolamentare le primarie, cosa a cui non ha mai dato seguito.
Tutti coloro quindi che invocano la par condicio per le primarie e’ bene che leggano bene la normativa vigente ed anzi sappiano che gli spazi dati a tutto il Pd da ogni mezzo di informazione televisivo, devono essere pareggiati entro il mese con spazi dati agli altri partiti di eguale peso parlamentare e proporzionalmente agli altri.”
“Le primarie di qualsiasi partito non possono essere occasione per avere un vantaggio di spazi sull’informazione televisiva pagata dal canone o privata. La par condicio – conclude il senatore ligure – misura gli spazi tra i partiti, non tra i membri di uno stesso partito.”

 

LE AGENZIE CHE HANNO RIPORTATO LA NOTIZIA

9 COLONNE. PD, ROSSI (MISTO): PAR CONDICIO NON COMPRENDE PRIMARIE

9CO762497 4 POL ITA R01 PD, ROSSI (MISTO): PAR CONDICIO NON COMPRENDE PRIMARIE (9Colonne) Roma, 13 apr – “Leggo su piu’ agenzie richiami alla par condicio e alla Rai per equilibrare gli spazi tra i diversi candidati del Pd: Renzi,Emiliano e Orlando. Nulla di piu’ sbagliato: le primarie non sono assolutamente normate e i media compresa la Rai non hanno alcun dovere ne compito di suddividere spazi tra membri dello stesso partito. Ne e’ previsto alcun controllo di Agcom o di altri soggetti”-Lo afferma il senatore Maurizio ROSSI (Liguria Civica). “Desidero al proposito ricordare che proprio io cercai di regolamentare le primarie dopo gli scandali liguri in occasione delle elezioni regionali del 2015, attraverso un emendamento che presentai al disegno di legge AS 1385 di modifica alle elezioni della Camera dei Deputati, poi trasformato nell’ordine del giorno G1.7001/509 che concordai direttamente con la Ministra Elena Boschi. Con questo ordine del giorno – continua ROSSI – il Governo si impegnava a regolamentare le primarie, cosa a cui non ha mai dato seguito. Tutti coloro quindi che invocano la par condicio per le primarie e’ bene che leggano bene la normativa vigente ed anzi sappiano che gli spazi dati a tutto il Pd da ogni mezzo di informazione televisivo, devono essere pareggiati entro il mese con spazi dati agli altri partiti di eguale peso parlamentare e proporzionalmente agli altri. “Le primarie di qualsiasi partito non possono essere occasione per avere un vantaggio di spazi sull’informazione televisiva pagata dal canone o privata. La par condicio – conclude il senatore ligure – misura gli spazi tra i partiti, non tra i membri di uno stesso partito”. (red) 131216 APR 17

ANSA: Pd: Rossi (Misto), per primarie non vale regola par condicio

Pd: Rossi (Misto), per primarie non vale regola par condicio (ANSA) – ROMA, 13 APR – “Leggo su più agenzie richiami alla par condicio e alla Rai per equilibrare gli spazi tra i diversi candidati del Pd: Renzi, Emiliano e Orlando. Nulla di più sbagliato: le primarie non sono assolutamente normate e i media compresa la Rai non hanno alcun dovere né compito di suddividere spazi tra membri dello stesso partito. Né è previsto alcun controllo di Agcom o di altri soggetti”. Lo afferma in una nota il senatore del gruppo Misto. Maurizio Rossi (Liguria Civica). “Ricordo che proprio io cercai di regolamentare le primarie dopo gli scandali liguri in occasione delle elezioni regionali del 2015, attraverso un emendamento che presentai al disegno di legge (AS 1385) di modifica alle elezioni della Camera, poi trasformato nell’ordine del giorno G1.7001/509 che concordai direttamente con la ministra Elena Boschi. Con questo ordine del giorno – continua Rossi – il governo si impegnava a regolamentare le primarie, cosa a cui non ha mai dato seguito”. “Tutti coloro che invocano la par condicio per le primarie è bene che leggano la normativa vigente e sappiano che gli spazi dati a tutto il Pd da ogni mezzo di informazione televisivo, devono essere pareggiati entro il mese con spazi dati agli altri partiti di eguale peso parlamentare e proporzionalmente agli altri”, aggiunge. “Le primarie di qualsiasi partito non possono essere occasione per avere un vantaggio di spazi sull’ informazione televisiva pagata dal canone o privata. La par condicio – conclude il senatore ligure – misura gli spazi tra i partiti, non tra i membri di uno stesso partito”.(ANSA). BSA-COM 13-APR-17 11:12 NNN

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *