[…] Parla l’amministratore delegato di Rfi, le ferrovie, Maurizio Gentile. Durante l’audizione è il senatore di Scelta Civica Maurizio Rossi a porre il quesito: perché non sono stati ancora impegnati i 225 milioni annunciati dall’allora ministro? «Gentile – spiega ora Rossi – ha dichiarato che i 225 milioni stanziati dal 2014 per quei lavori sono stati bloccati dal Cipe», il Comitato per la programmazione economica. Motivazione? Il raddoppio della tratta Finale-Andora è un’opera unica e unitaria, non la si può dividere in lotti costruttivi. Non se ne può realizzare, insomma, un pezzo dopo l’altro. Conclusione: niente semaforo verde per i lavori finché non sarà finanziato il costo complessivo dell’opera. La cifra: un miliardo e mezzo di euro.

RASSEGNA STAMPA

Vai all’articolo del Secolo Web

Vai all’articolo della Stampa ed. Savona del 28 maggio

Vai all’articolo del Secolo ed. Savona